Archivi

Auguri per una Serena Pasqua

Auguri per una Serena Pasqua
Auguri per una Serena Pasqua
Oggi è il giorno della Resurrezione, cerchiamo di risorgere anche noi
e di cominciare ad amarci e rispettarci a vicenda, ogni popolo,
ogni razza, ogni essere umano su questa Terra.
Serena Pasqua per tutti.
-Sabrina Sgrignuoli-
da PensieriParole

Questa voce è stata pubblicata il 16 aprile 2017, in Auguri, Pasqua.

Auguri di Buona Pasqua

Auguri di Buona Pasqua
Nella primavera dei mandorli e dei peschi in fiore
bianche colombe disegnano il cielo annunciando la resurrezione di nostro Signore.
Siano giorni di luce, di speranza, di amore e di pace per tutti.
Buona Pasqua!
-Giorgio De Luca-

Questa voce è stata pubblicata il 15 aprile 2017, in Auguri, Pasqua.

Auguri a tutti i papà, a chi lo è stato e a chi non se l’è sentita di esserlo.

bimba balla col papà

Tanti Auguri a tutti i papà, a chi lo è stato e a chi non se l’è sentita di esserlo.

Auguri ai papà assenti, a quelli che lo sono stati solo in un certificato, a quelli con i rimorsi e i rancori, a quelli che la vita l’hanno donata ma non sono stati in grado di caricarsela sulle spalle e crescerla.

Per paura, per responsabilità. Auguri ai papà dalle mani ruvide, quelli “forti” orgogliosi, quelli che non piangono mai, e a quelli che hanno pianto una sola volta nella vita, accompagnando all’altare la propria figlia.
Auguri ai papà dai cuori nascosti, quelli che non dicono mai ti voglio bene ai figli, ma che dentro al loro cuore hanno sempre avuto tanto amore, quelli che ti abbracciano nella notte dei sogni,
quelli della forza dei leoni, quelli che non si “emozionano” mai, ma hanno il cuore tenero come il burro.
Auguri ai papà chiusi in gabbia, quelli che hanno donato la libertà ai propri figli, quelli che oggi sognano di essere liberi, per riscattarsi, perchè hanno sbagliato, a quei papà che vogliono esserlo sempre,
comunque vada la vita.
Auguri ai papà stanchi, quelli che tornano tardi, quelli che si spaccano la schiena rinunciando alla compagnia dei propri figli, per necessità, per amore, a quelli lontani dai propri figli,
quelli che noi figli li abbiamo visti e sentiti solo con il bacio della buonanotte.
Auguri ai papà che sono diventati nonni, che noi figli abbiamo riscoperto diversi, quasi a non riconoscerli più, e scoprirne in loro, quei lati dolci, quasi estranei.
Auguri ai papà intelligenti, quelli divorziati, che non hanno rinunciato ad esserlo, che non si sono persi nessun momento, nessuna emozione, per un amore che non è stato.
Auguri alle donne papà, a quelle che non si sono mai arrese, a quelle dalle unghie rotte, a quelle che hanno indossato i coglioni perchè in casa mancavano, a quelle che nonostante tutto non hanno mai perso la loro femminilità,
auguri anche a loro, che con grande amore sostituiscono una figura insostituibile.
Auguri ai figli dei papà, noi che da figli non li abbiamo mai compresi, e adesso che lo siamo diventati, ne abbiamo capito la figura e il significato.
Auguri a quei papà che lo sono stati per un attimo in una sala parto, a quelli che lo sono stati per pochi anni, ai papà figli di un destino amaro, crudele, a quelli che hanno perso la fede in Dio non trovando la rassegnazione,
auguri ai papà degli angeli, delle stelle più luminose, a quelli che danno coraggio alla propria moglie per poi piangere in un angolo di una stanza al buio.
Auguri a chi papà non lo è diventato per natura, ma lo è stato lo stesso crescendo un figlio venuto da lontano, a chi non ha visto il colore della pelle, le differenze, a chi ha lottato per esserlo donando amore.
Auguri a chi è papà, e un papà non ce l’ha più, a chi lo bacia attraverso una foto, a chi non ha fatto in tempo a dirgli ti voglio bene, a chi darebbe la vita oggi, per poterci anche solo per un attimo discuterci un po’,
confrontarsi, e dimostrargli l’uomo che è diventato.
Auguri ai papà che sono andati via per sempre, lì oltre le nuvole, a quelli che ci proteggono ancora, a quelli che non hanno avuto la fortuna di vederci crescere, quelli che non vedremo mai spingere un passeggino al parco,
auguri a loro, perché pur lontani sentiremo sempre la loro presenza nei nostri cuori.
Auguri a tutti i papà, perché non saranno mai come le mamme, ma il cuore di ognuno di loro verso i figli ha lo stesso amore.
Auguri papà.

Fonte: frasiaforismi

Klara Marcus compie 101 anni,si salvò perchè era terminato il gas…

klara marcus1
“Oggi è il tuo giorno fortunato” dissero le SS alla signora Clara Marcus

A quei tempi aveva 33 anni, quando uscì viva insieme ad altre donne da una camera a gas di Auschwitz.

“Quando ci hanno fatto entrare e hanno aperto il gas, si erano resi conto che era finito.

Una delle guardie scherzò dicendo che era il nostro giorno fortunato perché ne avevano già uccisi talmente tanti che non era rimasto gas per noi.

Quel giorno Dio mi stava guardando”. A raccontarlo oggi è lei stessa, alla vigilia del suo 101esimo compleanno.

La sua storia ha dell’incredibile. Klara, originaria della Romania, è sopravvissuta a ben tre campi di concentramento: prima Dachau e Ravensbruck, poi Auschwitz.

Quando è stata costretta ad entrare nella camera a gas, pesava appena 32 Kg.

“Quel giorno , racconta oggi , ho capito che non avevo nulla da perdere”. Così ha trovato la forza di scappare dal campo e tornare in Romania.

La sua famiglia era morta, ma lei, piano piano, si è ricostruita una vita, insieme a quello che sarebbe poi diventato suo marito.

Un rappresentante del governo romeno, Anton Rohian, l’ha visitata a casa sua con qualche giorno d’anticipo (il compleanno sarà il 31 dicembre) per congratularsi con lei per il suo 101esimo compleanno.

“Ho portato una bottiglia di champagne, un mazzo di fiori e un attestato di onorificenza per ringraziare la signora Marcus per esser tornata a Marumares dopo tutto quello che ha attraversato nella sua vita”.

Fonte: Caffeina

Danny, malato di cancro, ha chiesto solo cartoline di auguri per il suo sesto compleanno. Video

Screenshot_1

 

danny

Danny in braccio alla mamma

Daniel Nickerson di Foxboro, in Massachusetts, ha chiesto per il suo sesto compleanno, che gli venissero regalate solo cartoline di auguri.

Fino ad ora, il bambino che ha un tumore al cervello inoperabile, ha ricevuto migliaia di bigliettini colorati e carichi di affetto .

La famiglia racconta sulla pagina Facebook “Danny’s Warriors”, cioè “Guerrieri di Danny”, le incredibili vagonate di cartoline che riceve ogni giorno.

“Fino ad oggi sono arrivati 8.500 bigliettini e 900 pacchetti regalo!

La famiglia di Daniel racconta, che hanno riempito tre auto e hanno postato su Facebook diverse foto che mostrano il mucchio di lettere ricevute.

“Siamo emozionati per tutto questo, siamo senza parole e vorremmo ringraziarvi tutti”,dice la madre.

I medici hanno diagnosticato a Daniel una grave forma tumorale alla fine del 2013 che ha fatto crollare la famiglia.

Tuttavia, la nostra fede in Dio ha mantenuto i nostri cuori e la mente positivi, “unica scelta, purtroppo”, continua la madre di Danny.

Cercheranno di andare avanti e fare tutto il necessario per mantenere felice il loro bambino, almeno finché sarà possibile”.

Tra le migliaia di cartoline, c’è anche la mia e Danny ha festeggiato il 6° compleanno.

Marcy©

Fonte: web