Archivi

“Bacche di Acai” ricche di antiossidanti, contibuiscono alla perdita di peso

“Bacche di Acai” ricche di antiossidanti, contribuiscono alla perdita di peso

La bacca di Acai è una bacca tradizionale indigena che si trovano comunemente nelle foreste pluviali dell’Amazzonia.

Acai è noto per essere un frutto ricco di antiossidanti, vitamine e grassi buoni .

Le bacche, il cui nome significa “frutti che piangono acqua”, sono simili a un acino di uva nera benché leggermente più grandi, meno succose e con un solo seme.
Per le popolazioni indigene dell’America Meridionale sono un frutto tradizionale capace di infondere forza e coraggio.
Recentemente hanno rivelato molteplici proprietà benefiche per la salute che le hanno rese famose e diffuse in tutto il mondo.

I principi attivi delle bacche di Acai si concentrano nella buccia. Possiedono un alto contenuto in polifenoli, specialmente di antocianine, degli antiossidanti tipici della frutta dal colore rosso scuro, blu o nero in concentrazioni superiori a quelle dei frutti di bosco.
Nelle bacche di Acai troviamo inoltre un’ importante presenza di fibre e fitosteroli, delle buone concentrazioni di proteine e lipidi monoinsaturi e polinsaturi, oltre a calcio, ferro e vitamine A e C.
In generale, le bacche di Acai svolgono un’azione antiossidante e proteggono le cellule di tutto il nostro organismo dagli attacchi dei radicali liberi grazie al contenuto di vitamina C, di antocianine e di acido ellagico, un altro polifenolo antiossidante. I principi attivi delle bacche di Acai supportano il sistema immunitario.

Migliorano la circolazione: grazie al contenuto di antocianine che svolgono un effetto protettivo specialmente sul microcircolo e sono quindi utili contro la fragilità capillare e i disturbi sessuali specialmente gli uomini.

Anticolesterolo: grazie agli steroli, presenti in grandi quantità, e per l’alta presenza di acidi grassi come omega-3, omega-6 e omega-9, queste bacche agiscono sul livello di colesterolo, favorendone la riduzione e proteggendo dei vasi sanguigni. L’azione antinfiammatoria protettiva sul sistema circolatorio aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari.

Migliorano la funzione gastrointestinale: le bacche di Acai contengono grandi quantità di fibre che aiutano a ritrovare la regolarità intestinale e a migliorare la funzionalità dell’apparato digestivo; infatti risultano utili per il fegato e sono un’importante fonte di fibre vegetali, indispensabili per il corretto funzionamento dell’intestino.

Aiutano a dimagrire o a tenere sotto controllo il proprio peso favorendo il metabolismo e la trasformazione dei grassi in energia; inoltre, grazie alla presenza di grassi buoni, riducono gli effetti negativi di una dieta ricca di grassi saturi.
Anti-age per la pelle: queste bacche e l’olio da esse estratto sono in grado di contrastare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento precoce della pelle, aiutando a mantenerla tonica, giovane ed elastica; perciò, se tradizionalmente l’effetto si otteneva mangiando questi frutti, oggi l’olio è diventato un ingrediente di creme e prodotti di bellezza.
Sorprendenti per la pulizia del colon.
Fonte: Riza

*Le informazioni qui riportate non sono riferibili né a prescrizioni, né a consigli medici, né a terapie sanitarie.
Gli Argomenti sono di natura generale, a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato. *

I notevoli benefici del kiwi.

I notevoli benefici del kiwi.I notevoli benefici del kiwi.
Favorisce la digestione, l’assunzione di vitamina C e attiva la funzione metabolica. Il kiwi e i suoi benefici sono al centro dell’International Symposium on Kiwifruit and Health, importante appuntamento che si svolge a Tauranga, in Nuova Zelanda, e promosso dal Riddet Institute con il contributo di Zespri. Per la prima volta, circa 200 esperti di nutrizione da tutto il mondo si sono riuniti per discutere il ruolo del kiwi all’interno della dieta quotidiana, presentando i più recenti studi, alcuni dei quali ancora in corso, sui benefici di questo frutto sulla salute dell’uomo.

”Siamo felici di aver riunito in un unico luogo così tanti esperti di livello internazionale a dibattere di salute e in particolare del frutto del kiwi, sul quale, a livello mondiale, sono continui gli investimenti per studiare i suoi benefici”. I risultati emersi dalle sessioni confermano la capacità del kiwi di: regolare il livello di zuccheri nel sangue; migliorare le funzioni intestinali, grazie alla presenza dell’enzima naturale actidinina, che aumentando la ripartizione delle proteine, facilita la digestione, delle fibre e di altri componenti unici; aumentare le difese immunitarie, grazie alla grande concentrazione di vitamina C presente nella sua polpa.

”Oggi esiste un consenso generale – ha dichiarato Jacob Seidell della Vrije Universiteit di Amsterdam, uno dei maggiori esperti di obesità a livello mondiale – che identifica negli alimenti poveri di nutrienti uno dei fattori chiave del crescente tasso di obesità  nel mondo. Al contrario, l’assunzione di alimenti ricchi di sostanze nutritive a bassa densità energetica, come i kiwi, è associata a migliori condizioni di salute’‘. ”Siamo entusiasti dei risultati che confermano, con rigorosi studi scientifici, la scelta di salute di un numero sempre più grande di consumatori di kiwi”, ha detto Juliet Ansell, Innovation Leader for Health and Nutrition di Zespri.

Circa il 30% della popolazione mondiale è affetto da almeno un disturbo gastrointestinale ,come ” dispepsia e sindrome del colon irritabile”. In particolare, la costipazione cronica è il disturbo più comune. Queste condizioni hanno un pesante impatto sulla salute dell’individuo, influendo negativamente sulla sua qualità di vita. Tuttavia, l’alimentazione e uno stile di vita corretto possono prevenire i disturbi maggiori. Il kiwi , oltre ad avere un naturale effetto lassativo nella popolazione con costipazione, ha dimostrato, in un recente studio, di migliorare la funzione intestinale. Non solo. Lo scarso controllo dello zucchero nel sangue è collegato a malattie legate all’obesità, come il diabete e le malattie cardiovascolari croniche.

Nel corso dell’International Symposium, è stato considerato l’impatto glicemico dei kiwi, dimostrando che l’inclusione del frutto nella dieta, a parziale sostituzione di alimenti a base di amico di cereali, come patate e riso, rappresenta un’efficace strategia alimentare per ridurre la glicemia e migliorare il profilo nutrizionale complessivo. I kiwi contengono polisaccaridi non digeribili e altri elementi, compresi polifenoli, grassi e acidi organici, proteine, vitamine e minerali che possono alterare e migliorare l’ecologia microbica nell’intestino crasso. La fermentazione dei kiwi Green e kiwi Gold determina nell’intestino una microflora arricchita di batteroidi, para-batteroidi e bifidobatteri che sono positivamente correlati alla salute attraverso vari meccanismi, tra cui fortificare l’integrità della barriera intestinale, produrre composti antibatterici e modulare il sistema immunitario.

Fonte: web

Come si prepara “il sorbetto”

Come  si prepara "il sorbetto"
Come si prepara “il sorbetto”

Il sorbetto è un dessert semi-freddo dalla consistenza leggermente densa preparato con sciroppo di zucchero, succo o polpa di frutta, aromatizzato con liquore, spumante o vino, per chi lo preferisce leggermente alcoolico.
Il più conosciuto è quello al limone.
Per rendere i sorbetti più soffici si può aggiungere della panna montata o dell’albume montato a neve.
Può essere servito come “gelato” alla fine di un pranzo o di una cena, oppure a metà pasto.
Spesso si gusta per spezzare una cena mista con pesce e carne.
Sarebbe meglio usare frutti di stagione , ma il sorbetto viene bene anche con frutta surgelata o sciroppata.

Fonte: web

I semi di Anguria fanno bene

I  semi di Anguria fanno bene e fanno anche dimagrire

I semi di Anguria fanno bene e fanno anche dimagrire

I semi di anguria contengono antiossidanti, fibre e sono ricchi di proteine.

In un etto di semi, la proteine sono circa 35 grammi, un quantitativo maggiore rispetto a quello presente nello steso peso di carne.

Si tratta di una componente proteica in grado di abbattere l’apporto glicemico dell’anguria, consentendo di poterne assumere una fetta in più durante il pasto.

Inoltre, i semi contrastano il colesterolo e l’iperattivazione del sistema immunitario, grazie ai grassi poli-insaturi di cui sono ricchi.

Per questo, l’assunzione dei semini potrebbe risultare benefica anche per chi è affetto da asma, allergia oppure autoimmunità.

Tra le componenti in grado di favorire il benessere dell’organismo, nei semi d’anguria ci sono anche le vitamine del gruppo B ,utili al fegato , fosforo, rame,

potassio, manganese, magnesio e zinco.

Inoltre, assumendo i semi assieme alla polpa del frutto ” ricco di vitamina C” risulta più semplice l’assimilazione del ferro contenuto negli stessi.

La prima alternativa è quella di ingerirli insieme all’anguria, evitando il problema di scartarli uno ad uno.

Altrimenti si possono essiccare i semi come vuole la tradizione orientale.

Oppure, se preferite, potete preparare un estratto di semi d’anguria.

Mangiandoli freschi si ha un effetto lassativo, ideale per chi soffre di problemi di stitichezza, ma senza esagerare.

Nel secondo caso, una volta essiccati, possono essere utilizzati per fare delle zuppe, oppure degli infusi.

Le proprietà benefiche saranno sprigionate e si combatteranno i radicali liberi.

Si può anche dimagrire, grazie all’effetto “brucia-grassi” tanto ricercato soprattutto nel periodo estivo.

Fonte: ultimenotizieflash

L’ Ananas e i suoi benefici.

L' Ananas e i suoi benefici.

L’ Ananas e i suoi benefici.

L’Ananas sativa è una pianta esotica scoperta da Cristoforo Colombo nel 1943 in Guadalupa.
Viene coltivata oggi come frutto alimentare in gran parte del mondo, soprattutto nell’America centrale e meridionale, nell’India occidentale e in alcune zone dell’Africa.
In fitoterapia è utilizzato il gambo dell’infruttescenza ricco di enzimi ( tra i quali, il più importante è la Bromelina), saccarosio, un olio essenziale,
acidi organici ( Acido citrico, Malico e Ossalico), vitamine del gruppo B, vitamina A, vitamina C, Carotenoidi, Aminoacidi, Proteine e Minerali (Iodio, Magnesio, Manganese, Potassio e Calcio).
L’Anas è ottimo per facilitare la digestione, i suoi principi attivi, la Bromelina ha la proprietà di rendere facilmente e velocemente assimilabili anche le proteine più complesse.
Il gambo dell’Ananas presenta , in oltre, un’azione diuretica per la presenza di acidi organici e anche un’azione anti-aggregante piastrinica.
Gli estratti di Ananas, per le loro proprietà anti infiammatorie, vengono utilizzate nei prodotti erboristici, quali coadiuvanti fisiologici per il trattamento della cellulite.
L’azione della Bromelina è fondamentale quale enzima proteolitico clicoproteico capace di controllare gli edemi sia di tipo post-traumatico che di origine infiammatoria.
La grande efficacia farmacologica della Bromelina ne giustifica la presenza come sostanza base per la produzione di una serie di farmaci antinfiammatori.
Quindi l’Ananas è un buon frutto per gli inestetismi e la ritenzione idrica.

Per la modesta azione anti-aggregante piastrinica i preparati a base di gambo d’Ananas sono da evitare da chi è in trattamento con anti-coagulanti e da persone affette da ulcera peptica.

* Si raccomanda sempre di consultare il medico.

Fonte: naturaliadomus