Archivi

Grazie a Sam Simon , il papà dei Simpsons

Sam Simon

Grazie a Sam Simon , il papà dei Simpsons

E’ morto ieri dopo una lunga malattia Sam Simon, tra i creatori della nota serie animata The Simpsons.

In questi ultimi anni si era impegnato senza sosta con importanti battaglie in difesa degli animali, culminate pochi mesi fa

nello splendido salvataggio di 425 cincillà da un allevamento in chiusura a San Diego (Leggi: http://goo.gl/QIegpi), operato grazie al suo generoso sostegno.

Sam , nonostante il tumore degenerativo, si è impegnato fino all’ultimo per poter aiutare i più deboli. Con queste righe, poco dopo la sua morte,

vogliamo ringraziarlo e ricordarlo per quanto ha fatto per gli animali.

Chiude per sempre un allevamento di cincillà situato nel sud della California. Protagonista a tutti gli effetti di questo stupendo epilogo Sam Simon,

tra i creatori della famosissima serie animata The Simpsons e già noto per il suo impegno in campo umanitario e animalista.

Grazie a Sam e al suo finanziamento, 425 cincillà sono stati affidati alla San Diego Humane Society che si prenderà cura degli animali salvati.

Fonte: Animal Equality Italia

Abbandonato dal suo padrone, Kai viene trovato disperato e in lacrime.

Kai il cane abbandonato alla stazione

Kai, lo hanno trovato abbandonato pochi giorni fa alla stazione ferroviaria di Eastbourne.

Triste e con gli occhi pieni di lacrime, legato a una ringhiera e con una ciotola d’acqua davanti.

Lui, uno Staffordshire Bull Terrier nero, se ne stava lì, piangeva, in attesa del suo padrone che non sarebbe ritornato.

Il suo padrone non è più tornato a riprenderlo: era fuggito di corsa su un taxi come un vigliacco, lasciandolo solo.

Quell’abbandono, però, potrebbe spalancare per quel cane le porte di una vita nuova con qualcuno che davvero lo ami e non lo tradisca mai più.

Raccolto dalle guardie, è stato portato al sicuro in un canile e la sua foto sta girando sempre più su internet, rilanciata da tantissime persone che vogliono aiutarlo e che hanno scatenato una gara di solidarietà.

Stiamo cercando di rintracciare il proprietario dell’animale.

Lo invitiamo a contattarci» ha detto un portavoce dell’Eastbourne Borough Council.

Anche se in realtà, un proprietario così è meglio perderlo che trovarlo.

Se il tentativo andrà a vuoto, si spera di trovargli una nuova casa così come è accaduto a Kai, il cane Shar-Pei che, subito dopo Natale, fu trovato abbandonato

e legato a una ringhiera nella stazione di Ayr in Scozia, con solo una valigia contenente il suo cuscino preferito, ciotola e giocattoli.

La sua storia ha fatto il giro del mondo e centinaia di persone si sono fatte avanti per adottarlo.

La storia ha un lieto fine, Kai ha trovato un nuovo padrone.

Fonte: il messaggero

Lezione di vita da un “senza tetto”. Una storia vera

senza tetto
Tempo fa ho incontrato un senzatetto e non lo scorderò mai.

Quel giorno il mio capo mi chiese di pranzare con lui, cosa del tutto inaspettata visto che non eravamo particolarmente intimi, e nonostante tutto apprezzai il gesto.

Tuttavia non fu il pranzo a sorprendermi, ma ciò che avvenne subito dopo.

Mi chiese di incontrarci in un ristorante del centro abbastanza lussuoso, in cui non ero mai stato. Era in una zona piuttosto affollata.

“Ha qualche spicciolo signore?” mi chiese un senzatetto mentre mi avvicinavo all’ingresso del ristorante.

Cercai invano della moneta nelle tasche, ma erano vuote, scossi la testa ed entrai.

Il capo mi stava aspettando dentro il ristorante. Deve avermi visto parlare con il senzatetto, infatti mi disse subito:

“Quello è l’uomo più stupido che io abbia mai visto! Ogni volta che vengo qui se ne sta lì fuori.

E ogni volta che vengo qui gli chiedo se vuole una banconota da 1 dollaro o una banconota da 5 dollari, e lui sceglie sempre quella da un dollaro… come se non sapesse che quella da 5 vale di più!

Sembrava particolarmente entusiasta di mostrarmi quanto fosse stupido quell’uomo, il che mi faceva sentire un po’ a disagio.

Uscimmo, e il mio capo chiamò il senzatetto. Tirò fuori una banconota da un dollaro e una da 5 e domandò al senzatetto quale volesse.

Il senzatetto abbozzò un sorriso e prese il dollaro, ringraziò e andò via.

Il mio capo scoppiò a ridere.

“Hai visto? Che idiota! Ogni volta che vengo qui penso che abbia capito e che prenda i 5 dollari, ma non lo fa mai! Buffone!”

Dopo aver parlato ancora un poi il mio capo andò via; io me ne stavo in piedi di fronte al ristorante e guardavo il senzatetto. Vidi che si stava sedendo e mi avvicinai a lui.

“Perché hai preso la banconota da un dollaro? Lo sai che 5 dollari valgono di più, vero?

Mi sorrise esattamente come prima.

“Certo che lo so. Ma se prendessi i 5 dollari lui smetterebbe di darmi i soldi.”

Fonte: 23.sfglobe.it

Salvò 669 bambini ebrei e non sa che sono accanto a lui in questa sala. Video

 

Screenshot_75Screenshot_74Screenshot_76

Il signor Nicholas Winton organizzò un’operazione di salvataggio che mise in salvo le vite di 669 bimbi ebrei Cecoslovacchi destinati ai campi di sterminio nazisti, trasferendoli al sicuro in Inghilterra negli anni 1938/1939.

Dopo la fine della guerra, i suoi sforzi rimasero sconosciuti fino a che nel 1988 sua moglie trovò un quaderno del 1939 con la lista completa di nomi e foto dei bambini.

Questo è un estratto del video che ha ripreso Nicholas Winton inconsapevolmente seduto tra quegli stessi ebrei che aveva salvato 50 anni prima.

Questo video è il programma della BBC “Così è la vita” andato in onda nel 1988.

Il video più toccante mai.

Fonte: Youtube

Il cartellone pubblicitario della metropolitana si anima… Video

Screenshot_cancro

All’inizio era una bella idea per lo spot di uno shampoo: ogni volta che la metropolitana di Stoccolma passava il manifesto prendeva vita e i capelli si muovevano per il vento.

In seguito la Barncancer Fonden, fondazione che fa ricerca per combattere il cancro, lo ha fatto diventare qualcosa di più: ogni volta che passa del treno fa volare via i capelli della ragazza ritratta, fino a scoprire la nuca calva di Linn, 14 anni, malata di tumore.

“Ogni giorno a un bambino viene diagnosticato un cancro”, dice il messaggio in sovrimpressione.

Impossibile non venire toccati da questo messaggio!

Contribuiamo diffondendo questo video.

Grazie

Fonte: Caffeina