Archivi

Usi e benefici del Coriandolo

Usi e benefici del Coriandolo
Usi e benefici del Coriandolo
Proprietà del coriandolo:
Olio essenziale (linalolo e geraniolo)
vitamina (C-A- K- E- B1-B2- B3 )
sali minerali (calcio, fosforo, ferro, sodio, zinco, potassio e magnesio) e fibre.

Utilizzi del Coriandolo:
Il Coriandolo si presta a molti più usi di quelli che possiamo immaginare. In ambito culinario è utilizzato nella preparazione di alcuni salumi,
insaporisce carne, pesce e verdure,
ma profuma anche birre, biscotti, confetti e il pampepato.
I semi vengono utilizzati come spezia. I semi di coriandolo macinato ,costituiscono uno degli ingredienti del curry .
Le foglie del Coriandolo in Oriente, vengono utilizzate al posto del prezzemolo.
————————————————————————————————————————————————
Il Coriandolo ha anche molte proprietà utili per la cura del corpo ed è un ottimo rimedio naturale per molteplici disturbi.
Tonifica il sistema nervoso
Aiuta la digestione
Mantiene attiva l’attività cerebrale
Antispasmodico, utile contro crampi e colite
Defaticante
Antisettico
Stimola l’appetito
Analgesico
E’ depurativo, aiuta l’organismo ad espellere i metalli pesanti tramite la diuresi e la sudorazione, inoltre stimola i reni e li protegge.
Mucolitico, quindi è un ottimo rimedio contro la tosse grassa.
Aiuta a ridurre il livello del colesterolo cattivo nel sangue.
Stimola la produzione di latte materno.
Antinfiammatorio, utile contro l’artrite.
Anti-diarroico.
Cura le affezioni del cavo orale, come le afte ed è utile anche contro l’alitosi.
Anti-anemico.
Fortifica le difese immunitarie.
E’ un utile rimedio contro la congiuntivite;
Anti-diabetico.
Antiossidante.
——————————————————————————————————–
Tisana al Coriandolo:
1 cucchiaino di coriandolo secco o foglie fresche tritate e acqua calda.
Lasciare in infusione coperto, per 5 minuti. Filtrare e bere.

La tisana al Coriandolo calda è utile per:
Emicrania
Dolori intestali o crampi da mestruazioni
Digestione lenta
Flatulenza
Fegato e reni affaticati
Stanchezza
————————————————————————————————————————-
La tisana tiepida è utile per:
Congiuntivite e affezioni del cavo orale.

L’olio essenziale di coriandolo è utile per:

eczema-psoriasi-artrite-rilassante muscolare

Per usufruire meglio dei benefici dell’olio essenziale si possono versare alcune gocce in un pediluvio a base di acqua calda e sale,
o nella vasca da bagno oppure si può utilizzare per massaggi, non deve essere utilizzato puro ma “deve essere diluito con un olio vegetale”.
——————————————————————————————————————————————–
ATTENZIONE: interagisce con i farmaci ad azione neuro stimolante, ansiolitici e psicofarmaci, esaltandone gli effetti e con farmaci che regolano le funzionalità di stomaco e intestino aumentandone l’effetto.
*Le informazioni riportate in questo articolo hanno carattere informativo, non sono pertanto da considerarsi prescrizioni mediche.
Rivolgersi al proprio medico di base prima di assumere qualsiasi rimedio naturale.
Fonte: portalebenessere

Un semplice mix di erbe per arrosti, patate e sughi

Un semplice mix di erbe per arrosti, patate e sughi
Un semplice mix di erbe per arrosti, patate e sughi
Un mix di di erbe per condire ciò che desideri, sempre pronto e fresco.
Prendi qualche ramo di rosmarino, libera gli aghi dai gambi , lavali e asciugali aiutandoti con lo scottex.
Prendi una bella manciata di salvia, stacchi le foglie eliminando i gambi, le lavi e le asciughi allo stesso modo del rosmarino.
Metti le due erbe in un frullatore o in un mixer elettrico, aggiungi una bella manciata di sale grosso e trita tutto insieme.
Quando è tutto ben polverizzato, metti il composto in un vasetto di vetro,chiudi e conservi in frigorifero.
Avrai sempre a portata di mano i tuoi odori freschi, da aggiungere dove vuoi.
Per esempio: sulle patate da cuocere in forno o in padella.
Prova ad aggiungerlo nel tuo ragù, gli darà un sapore di “fresco”!
In frigorifero si conserva per oltre un mese.
Marcy

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di cannella

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di cannella

Riscalda il cuore e dona un’avvolgente sensazione di “casa”, aiuta nei casi di freddezza interiore, depressione, solitudine e paura.

Tonificante, se inalato, favorisce la creatività e l’ispirazione.

Antisettico, come tutti gli oli essenziali esercita una potente azione antibatterica ad ampio spettro.

Per uso interno, 2 gocce diluite in poco miele, è utile in caso di diarrea provocata da infezioni intestinali e parassiti.

Per questa proprietà è anche un rimedio efficace contro l’influenza, in presenza di tosse e raffreddore.

Alcune gocce insieme all’ olio di mandorle,si massaggia sull’addome favorendo l’eliminazione e l’assorbimento dei gas intestinali e aiuta il processo digestivo.

Stimolante del sistema nervoso, accelera la respirazione e il battito cardiaco.

É una delle spezie più antiche, conosciuta e utilizzata da sempre anche in Occidente per la sua potente azione antibatterica: veniva anche largamente usata per conservare le carni, perché ne

bloccava il processo di putrefazione.

Per questo motivo già nel 2000 a.C. gli Egizi la adoperavano insieme ad altri oli essenziali, nel processo di mummificazione.

Controindicazioni:
Non adatto in gravidanza, allattamento e per i bambini.
Fonte: web

*Le informazioni qui riportate non sono riferibili né a prescrizioni, né a consigli medici, né a terapie sanitarie.
Gli Argomenti sono di natura generale, a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato. *

Ajwain , un potente antidolorifico naturale

Ajwain , un potente antidolorifico naturale
L’ajwain , da noi conosciuta con il nome di erba del vescovo, è una spezia molto diffusa in India, non solo per il suo uso comune in cucina ma anche per le sue facoltà curative.

L’ajwain viene impiegato come rimedio popolare per tantissimi disturbi come: asma, ipertensione, tosse, mal di testa, bruciori di stomaco è un ottimo antistaminico per le allergie e un potente antidolorifico naturale.
ll Timolo, che ne costituisce l’olio essenziale, è presente anche nei dentifrici e collutori.

Adatto per dolori muscolari , perdita di peso , come anti-batterico e anti-fungine.

Uno dei migliori usi di ajwain è per gli alcolisti. Se un alcolista accusa mal di stomaco, dopo l’assunzione di ajwain per due volte al giorno , trarrà benefici e il desiderio di alcol diminuirà col tempo.

Utilizzo: si possono fare infusi con i semi o direttamente sulle pietanze da cucinare.
L’ajwain ha un sapore intenso e va sempre sottoposto a cottura per eliminare l’effetto di intorpidimento causato dall’ingestione dei semi crudi.
Fonte: web

Pepe di Sichuan

Il Fiore di Pepe o Pepe di Sichuan

Pepe di Sichuan

Usato in Oriente come spezia, il Pepe di Sichuan è una pianta che vanta anche proprietà farmacologiche.
Si tratta di una pianta perenne originaria della Cina .

Lo Sichuan è appunto una regione della nazione dove viene utilizzata da millenni per la sua azione anti-pruriginosa e antidolorifica a livello cutaneo, ma anche per la sua attività contro gli spasmi dolorosi intestinali e contro i dolori dentari (la specie vegetale viene definita anche “albero del mal di denti”).

I suoi frutti sono molto usati come spezia nella cucina cinese e giapponese per ridurre le proprietà irritanti di alcuni alimenti. Si tratta anche di una delle poche spezie usate dalla cucina tibetana, che per l’ambiente ostile non ha grande disponibilità di vegetali o spezie edibili.

Il nome pepe è dovuto al fatto che la bacca può ricordare una bacca di pepe nero, ma tra le due spezie non c’è correlazione.
Nella medicina tradizionale, l’estratto oleoso è usato per lenire prurito e mal di denti e numerosi sono anche gli utilizzi cosmetici di Zanthoxylum.

Inoltre, sulla base dell’attività insetticida di alcuni oli essenziali estratti dai semi di alcune piante del genere Zanthoxylum, la ricerca è attualmente focalizzata anche sullo sviluppo di nuovi agenti utili al controllo di vettori ,zanzare tra cui anche varie specie di Anopheles , sulla base di composti chimici bioattivi isolati da piante medicinali indigene, in alternativa a larvicidi chimici.

Pepe di Sichuan
Infine, per quanto riguarda il sapore, quello del Pepe di Sichuan è a dir poco particolare: non è pungente come il pepe nero o il peperoncino ma, dopo il piccante, presenta un leggero aroma di limone e lascia in bocca un leggero intorpidimento, causato da alcune alchilamidi in esso contenute.

A differenza del vero pepe i semi interni vengono scartati e si usano solo i gusci che li contengono; i quali di solito vengono tostati e macinati appena prima del loro utilizzo e generalmente vengono aggiunti all’ultimo momento a fuoco spento. Alcuni chef italiani usano il pepe di Sichuan per i dessert, soprattutto a base di frutti rossi.

Per fare un condimento saporito si fanno tostare in una padella asciutta due cucchiai di pepe di sichuan, tre di sale marino e uno di pepe bianco in grani , sino a che il pepe di Sichuan fuma.
Si macina quindi il tutto grossolanamente e si usa per insaporire.

Il gusto delle bacche è deciso, speziato e legnoso .

Può trovarsi sui mercati anche, a seconda del paese di provenienza, con altri nomi: pepe cinese, pepe giapponese o sansho, fiore di pepe,pepe nepalese, pepe-limone indonesiano.

Fonte: web