Caratteristiche e proprietà dei sali colorati

Caratteristiche e proprietà dei sali colorati
Caratteristiche e proprietà dei sali colorati
Sale Rosa dell’Himalaya: è considerato il più pregiato. Il sale Himalayano non è un comune sale marino, ma si tratta di una formazione cristallina che risale a circa 250 milioni di anni fa e che
ha una struttura particolare dovuta alle elevate pressioni a cui è stato sottoposto. Il tipo di processo di formazione che l’ha trasformato in cristallo, ha permesso al sale himalayano di assorbire
e inglobare oligoelementi che sono preziosi nel ripristinare il nostro equilibrio del organismo e rimuovere le scorie che accumuliamo anche assumendo sali da cucina industriali, quindi non crea ritenzione idrica.
E’ privo di additivi e di sostanze inquinanti che impoveriscono il sale marino. Il sale rosa dell’Himalaya ha un gusto delicato e non copre i sapori degli altri cibi anzi, li esalta.

Particolarmente indicato sulla carne.

Sale Blu di Persia: E’ una salgemma naturale che proviene dalle millenarie miniere di sale dell’Iran.
E’ molto raro e la sua particolare colorazione è dovuta alla silvinite, minerale che normalmente si presenta di colore giallo o rosa e che soltanto rarissimamente prende la tonalità blu.
Si caratterizza per una decisa sapidità ed un retrogusto leggermente speziato.
Macinato al momento, lo si utilizza come un comune sale da tavola per condire, oppure in grani, per decorare piatti ricercati. Il sale Blu di Persia è ricco di potassio e di cloro.

Sale Rosso delle Hawaii: è il tradizionale sale da tavola Hawaiano, che prende il nome da un minerale naturale, un’argilla rossa di origine vulcanica .
Durante il processo di evaporazione l’argilla arricchisce il sale di ferro, dandogli quel caratteristico colore rosso. Ha una vivace sapidità unita ad un retrogusto leggermente ferroso,
dato dal contenuto di ferro fino a cinque volte superiore a quello contenuto nel sale comune. Per il suo sapore è particolarmente adatto ad accompagnare carne grigliata o arrostita e pesce grigliato.

Sale Grigio di Bretagna: questo sale viene prodotto a sud della Bretagna, sulla costa atlantica francese, in “labirinti”, ovvero costruzioni d’argilla lungo le coste dell’oceano.
Il colore è dovuto ad una particolare tipologia di argilla che depositandosi sui fondali delle saline va a nutrire il sale e a donargli, assieme ai minerali, la caratteristica colorazione grigiastra.
Dal punto di vista nutrizionale il Sale Grigio di Bretagna, rispetto al sale marino tradizionale, è più ricco di sali minerali e più povero di sodio. Eccellente con le verdure bollite.

Sale Nero di Cipro: si tratta di un sale raccolto dalle acque dell’isola di Cipro. Questo sale viene arricchito con carbone vegetale ottenuto dalla combustione delle cortecce di legno dolce,
quali tiglio, betulla e salice che gli donano il tipico colore.
La sostanza ha un forte potere assorbente che viene sfruttato nella cura di malattie intestinali, intossicazioni e avvelenamento.
Ideale per pesce bianco, patate dolci fritte, uova e zuppe.

CONSIGLI
Il sale che solitamente troviamo nei supermercati è raffinato. Viene infatti ripulito e ridotto a cloruro di sodio, che supera spesso il 97%.
A questo, spesso sono aggiunte sostanze antiagglomeranti. Il suo scopo più comune è quello di insaporire i cibi e conservarli.
Risulta dannoso e nocivo per chi esagera, poiché può legarsi all’acqua nel sangue e aumentare la pressione sanguigna.

Se invece scegliete il classico sale marino, preferite quello integrale.

Sale integrale marino: Sale integrale marino. Chiamato anche “oro bianco”, non è raffinato ed è molto più di un condimento perché ha una funzione protettiva nei confronti di intestino, reni e circolazione.
Il sale integrale è facilmente assorbibile dal corpo e contiene gli oligoelementi che favoriscono i processi fisiologici delle cellule.
Favorisce il pH alcalino e stimola il sistema immunitario.

*Gli Argomenti sono di natura generale, a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato.*

Fonte: web

Precedente La vanillina è di origine chimica, usiamo la vaniglia Successivo "Ti presterò un cane" disse una voce