Io sono l’unica persona da cui dipende la mia felicità

Io sono l'unica persona da cui dipende la mia felicità

Durante un seminario per matrimoni, hanno chiesto a una donna:
– “Ti rende felice il tuo marito? Veramente ti rende felice?”
In quel momento il marito ha alzato leggermente il collo in segno di sicurezza: sapeva che sua moglie avrebbe detto di sì, perché

 lei non si è mai lamentata durante il suo matrimonio.

Tuttavia la moglie rispose con un sonoro:
– “No… non mi rende felice”

Il marito la guardò con stupore, mentre la donna continuò il proprio discorso:
– “Non mi rende felice… Io sono felice!
Che io sia felice o no non dipende da lui, ma da me.
Io sono l’unica persona da cui dipende la mia felicità.
Mi accorgo di essere felice in ogni situazione e in ogni momento della mia vita, perché se la mia felicità dipendesse da qualche p

ersona, cosa o circostanza sulla faccia di questa terra, sarei in guai seri.

Tutto ciò che esiste in questa vita, cambia continuamente. L’essere umano, le ricchezze, il mio corpo, il clima, i piaceri, ecc. E così potrei continuare

 per ore, elencando una lista infinita.

Attraverso tutta la mia vita, ho imparato qualcosa;
Decido di essere felice e il resto lo c

hiamo ‘ esperienze ‘:

Amare
Perdonare

Aiutare

Comprendere
Ascoltare
Consolare
C’è gente che dice: “non posso essere felice perché sono malata, perché non ho soldi, perché fa troppo caldo, perché qualcuno mi ha insultato,
perchè qualcuno ha smesso d

i amarmi, perché qualcuno non mi ha considerato, ma quello che queste persone non sanno è che si può essere felici anche essendo malati,

anche se si è troppo sudati, anche se si è

senza soldi, anche se si riceve un insulto, anche se qualcuno non ci ha apprezzato.

La vita è come andare in bicicletta: cadi solo se smetti di pedalare.
Inizia la giornata con un sorriso e non lasciare che niente e nessuno la cancelli del tuo volto.

Essere felice è un atteggiamento!”
Fonte: web

 

Io sono l'unica persona da cui dipende la mia felicità

 

La scienza dice che “il mare fa bene al cervello e rende felici”

La scienza dice che il mare fa bene al cervello e rende felici

Uno studio condotto in 10 anni di ricerca scientifica dimostra come l’acqua rilasci sostanze chimiche collegate alla felicità.
Stare vicino all’acqua stimola il cervello.
E’ quanto risulta da uno studio condotto in dieci anni di ricerca scientifica che dimostra come questo elemento rilasci sostanze chimiche collegate alla felicità, come la dopamina, la serotonina e l’ossitocina.
Lo studio dimostra come l’acqua , quindi, mare, lago o fiume ,porti al cervello 5 benefici fondamentali per la felicità:

1) Il colore blu dà sollievo
A quanto pare il colore blu è anche il colore preferito del mondo. L’autore cita un progetto di ricerca del 2003, in cui è stato chiesto a 232 persone in tutto il mondo di indicare il proprio colore preferito. Ancora una volta è risultato essere il blu.

2) Stare lungo la costa rende più rilassati
Secondo uno studio citato nel libro, per calmarci a livello di subconscio, basta anche solo osservare un paesaggio marittimo: guardare immagini della natura, infatti, fa attivare le parti del nostro cervello associate “a un atteggiamento positivo, alla stabilità emotiva e al recupero di ricordi felici”.

3) L’acqua ringiovanisce le menti stanche
In uno studio del 1995 pubblicato su Environmental Psychology sono stati analizzati il rendimento e la concentrazione di due gruppi di studenti: uno a cui erano state assegnate stanze con vista più paesaggistica (alberi, laghi, prati) e un altro a cui erano state date stanze su vedute più urbane. Il primo gruppo non solo dava risultati più brillanti, ma dimostrava anche una maggiore capacità di attenzione.

4) Guardare le fotografie fa bene, ma l’acqua nella vita reale fa meglio
Secondo le risposte inviate durante uno studio con l’applicazione Mappiness (più di un milione), non solo le persone sono più serene quando stanno all’aria aperta, ma sono più felici del 5,2% quando si trovavano vicino a un corpo d’acqua.

5) L’acqua ci riporta al nostro stato naturale
Siamo connessi all’acqua fin dal principio della nostra vita. Il corpo è mediamente composto per il 75% da acqua e il mantenimento della quantità adeguata di idratazione è basilare per il corretto funzionamento dei nostri organi.

Fonte: siviaggia.it