Archivi

Il Quarzo Ametrino è un’ottima pietra per la salute mentale


Il Quarzo Ametrino è un’ottima pietra per la salute mentale
L’Ametrino proviene da un’unica miniera in Bolivia .
Il nome della pietra Ametrino è dovuto a una potente combinazione tra Ametista e Citrino, regni di collegamento tra il fisico e lo spirituale.
L’Ametrino è una pietra rara che nasce quando nel quarzo Ametista risiede anche il quarzo Citrino.
L’Ametrino ha un effetto sul benessere generale e sulla salute mentale delle persone che soffrono di depressione, sbalzi d’umore e ansia.
Porta equilibrio tra l’aspetto spirituale e materiale, aiutando nel portare valori spirituali nelle vita quotidiana e a rilasciare pensieri e sentimenti negativi che possono riaffiorare nelle giornate indaffarate, infonde ottimismo, benessere, creatività e forza nell’affrontare le prove della vita.
Grazie ai sui colori facilita il lavoro intellettuale, l’elaborazione veloce dei pensieri, migliora la concentrazione e la comunicazione, aiuta a lavorare e ad accettare pienamente il proprio ego (visto non come un nemico da conquistare o sottomettere) riportandolo al giusto equilibrio.
L’Ametrino ha un’azione molto rapida ed è molto apprezzato nel lavoro di guarigione, stimola l’attività del cervello, armonizza il sistema nervoso vegetativo e le funzioni metaboliche, purifica il sangue, le cellule e i tessuti, elimina le tossine, agisce su tutti gli organi principali, rafforza il sistema immunitario, ha un’azione stimolante ed è indicata nei disturbi cardiaci, angina pectoris, epilessia ed emicrania.
L’Ametrino possiede un effetto calmante sul tono dell’umore e aumenta le sensazioni di tranquillità.
Ottima pietra da meditazione, si sintonizza negli stati superiori di coscienza inducendo naturalmente la meditazione e aiutando a raggiungere più rapidamente calma, e nuove percezioni per scoprire il nostro più grande potenziale.
L’Ametrino rafforza l’ossigeno nel nostro corpo.
La sua duplice natura lo rende molto efficace per rimuovere i blocchi energetici in ogni chakra, aiutando a raggiungere un sano equilibrio psicofisico.

*Poco adatta per i soggetti iperattivi in quanto può provocare una certa confusione ed eccitazione.
Fonte: alkemia

La pietra portafortuna del 2016

Ossidiana Fiocco di neve Porta Fortuna del 2016
La pietra portafortuna dell’anno 2016 è l’Ossidiana Fiocco di neve.

L’ossidiana è un vetro vulcanico che si forma in seguito al rapido raffreddamento della lava.
Si trova in vari posti del mondo e in diversi colori.
Tra le molteplici tonalità, esiste la pietra color arcobaleno, dall’aspetto variopinto con presenza di verde, viola, marrone e blu.
Ha una forte vibrazione spirituale e protezione psichica.
Aiuta a ristabilire la propria integrità, facendo vedere i lati oscuri della propria personalità e spingendo a trasformarli.
Aiuta a vivere in modo più distaccato dalle emozioni, permettendo di trattenere le proprie energie vitali e di superare gli shock, le paure, i blocchi e i traumi di ogni tipo.
Rende più consapevoli e spinge a modificare gli schemi di comportamento, dando modo di sviluppare facoltà latenti.
È un amuleto produttivo che funziona da guardiano delle abitazioni e dei luoghi in genere.
Attenua il dolore e riduce le tensioni.
Accelera la guarigione delle ferite, bloccando la perdita di sangue e rigenerando i tessuti.
Stimola la circolazione del sangue ed agisce a livello intestinale favorendone una corretta funzionalità.
Questo minerale è eccellente per aiutare a liberare le disarmonie che si formano nella vita quotidiana, favorendo il lavoro su se stessi nell’evitare paura, rabbia e risentimento verso il prossimo.
I minerali vibrano soprattutto all’interno del chakra di base e aiutano a liberarsi dell’energia in eccesso, attraverso il chakra della terra.
Posizionate la pietra in un punto luminoso della vostra casa , per tutto l’anno 2016 fino a mezzanotte.
Fonte: lacristalloterapia
Immagine reperita da ” Pietre delle Meraviglie”

 

Questa voce è stata pubblicata il 2 gennaio 2016, in Fortuna, Pietre.

Proprietà della Lepidolite

Proprietà della Lepidolite

Proprietà della Lepidolite

Stimola il bisogno di autonomia ed induce a perseguire sino in fondo i propri obiettivi senza ricorrere ad aiuti esterni.

Aiuta a contrastare il corso naturale degli eventi.

Protegge dalle influenze esterne, spingendo ad appartarsi quando ne sentiamo la necessità.

Ispira calma e pace interiore ed è indicata in caso di insonnia.

Stimola la capacità di riflettere, di essere obbiettivi e di prendere le decisioni.

Favorisce la concentrazione sull’essenziale, aiutando a perseguire i propri obiettivi, senza farsi distrarre.

Aiuta a superare i dolori della sciatica, le nevralgie ed i problemi alle articolazioni.

Possiede un’azione disintossicante e stimola i processi di purificazione della pelle e dei tessuti.

Chakra 4° e 6°

Fonte: lacristalloterapia

Perchè tenere in casa un Giardino Zen

Perchè tenere in casa un Giardino ZenPerchè tenere in casa un Giardino ZenPerchè tenere in casa un Giardino Zen

Perchè tenere in casa un Giardino Zen

Se hai un’attività creativa, se studi, se ti serve l’idea giusta, cerca tra gli elementi naturali.

Ascoltare il piacevole fruscio della sabbia.

Contemplare il flusso naturale dei solchi.

Ammirare la realtà attraverso i colori e le forme degli elementi primordiali.

Inventare il senso giusto, intuire attraverso la forma, agire attraverso il suono.

Controllare il movimento, gioire del proprio ritmo nella musica della vita.

La colorazione è realizzata mantenendo la naturale venatura del legno.

La sabbia speciale, bianca finissima e compatta è stata scelta e dosata con cura.

Il dosaggio della sabbia tiene conto dell’altezza dello strato di sabbia che al fine di ottenere un solco definito ed uniforme deve essere proporzionale al diametro dei denti del rastrellino.

Le pietre, frutto di lunghe ricerche, sono addattate meticolosamente ad ogni tipo di giardino.

La scelta delle pietre è in linea con i principi dell’arte del suiseki, che suddivide le forme in quattro riferimenti naturali:

acqua, legno, terra e metallo. Nel feng shui questi simboli sono a loro volta correlati ai punti cardinali ed ai colori.

Nei Sei Colori Feng-Shui:

Rosso

Augurale, simbolico, associato all’elemento fuoco, sinonimo di forza vitale, vigore, istinto e passione.

Blu

Capace di infondere calma, pace e serenità. Associato all’elemento acqua, rappresenta il cielo e la quiete.

Nero

Simbolo del benessere economico e del denaro, è associato all’elemento acqua, è particolarmente indicato negli uffici commerciali.

Giallo

Il colore del sole, associato all’elemento terra, simbolo di longevità e stabilità, induce alla speranza all’ottimismo e all’altruismo.

Verde

E’ il colore legato alla primavera, alla crescita e all’elemento legno, induce tranquillità e sicurezza.

Bianco

Simbolo di purezza, pace e rinnovamento. Ideale per creare spazi luminosi e ordinati, si lega a sentimenti di solitudine e malinconia.

Il giardino zen svolge un ruolo importante nella vita di chi se ne prende cura.

Tenerlo in ordine è un’attività fisica che regala bellezza e non richiede fatica,

un modo semplice ed essenziale per riordinare il giardino interiore, una preghiera di gesti nel silenzio della contemplazione.

Fonte: karesansui

Chiastolite “la pietra della croce”

Chiastolite  "la pietra della croce"

Chiastolite “la pietra della croce”

E’ una pietra piuttosto rara, caratteristica per il disegno a croce che si forma durante il processo di cristallizzazione.

Questa è la “pietra della croce”, un’andalusite con inclusioni carboniose o argillose scure inglobate mentre il cristallo cresceva e orientate in modo da assumere la forma di una croce.

Proviene dal Cile, detta anche Pietra dello Sciamano, forse perché aiuta a collegare il proprio cuore al cuore della Terra, permettendo di percepire l’appartenenza al pianeta che ci ospita.

La croce che appare nella Chiastolite è simbolo di crescita e moltiplicazione, significato che è stato attribuito analogamente al simbolo planetario che indica la Terra.

La Terra infatti è il pianeta sul quale la vita si manifesta, quindi la croce della materia si trova al centro, circondata dal cerchio dello Spirito, all’interno del quale è contenuta tutta la vita.

Rafforza il senso d’identità, aiutando a portare a termine i propri obiettivi,stimola il realismo e la prudenza.

Permette di esprimere al meglio la nostra affettività, liberando le potenzialità affettive che in genere vengono limitate per autodifesa.

Libera dai sensi di colpa e dalle paure, soprattutto quella di perdere il controllo.

Produce obiettività, senso della realtà e capacità di analisi.

Aiuta a superare la timidezza e la passività, tranquillizza gli stati nervosi, libera i sensi di colpa.

È usata come ponte per assimilare i periodi di forte cambiamento.

La Chiastolite è stata utilizzata per dissolvere il malocchio, e a causa della croce sulla pietra si è vista da sempre come un segno di Dio e le viene attribuito un profondo significato religioso e spirituale.

Riduce la febbre e stimola la circolazione sanguigna.

Aiuta l’individuo nel realizzarsi e a proseguire gli obbiettivi posti nella vita, stimola il senso della realtà, di sobrietà, prudenza separando e superando le illusioni.

Tranquillizza in casi di nervosismo e paura, rafforzando il senso di identità propria, contrasta la paura di perdere il controllo.

Intensifica le capacità critico analitiche e promuove la consapevolezza.

Aiuta a superare stati di passività.

Il Chakra ideale per recepire la sua potente energia è il 4° (all’altezza del cuore).

E’ utile anche indossarla sul plesso solare (3°) quando si è costretti a rimanere a lungo in luoghi molto frequentati;

essa costituirà uno scudo che allontanerà l’eventualità di assorbire energie negative e dissonanti provenienti dall’ambiente circostante.

E’ anche utile per risvegliare una passionalità assopita o limitata e costretta dalla ragione, permettendoci di esprimere al meglio la nostra affettività.

Favorisce, ed equilibra tra loro, la creatività e la praticità.

E’ apportatrice di serenità anche nei momenti difficili.

La Chiastolite è un ottimo porta fortuna, è bene portarla sempre con sè: al collo come ciondolo, in tasca o inserita in un sacchettino di fibra naturale.

Fonte: web