Archivio tag | Antinfiammatorio

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di Geranio

olio  essenziale genericoProprietà e benefici dell'olio essenziale di Geranio

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di Geranio

In aromaterapia l’olio essenziale di Geranio viene utilizzato in caso di acne, ansia, depressione, stress, insonnia e mal di gola.

L’olio essenziale di Geranio ha proprietà antibatteriche, antidepressive, antinfiammatorie, antisettiche, astringenti, diuretiche, repellenti e toniche.

Ciò lo rende adatto all’impiego per numerose problematiche legate alla salute e al benessere.

Viene utilizzato anche per favorire la stabilità emotiva, per alleviare i dolori grazie alle sue proprietà antidolorifiche, per stimolare la guarigione di ustioni

e ferite grazie alle sue proprietà cicatrizzanti, er migliorare l’umore e per ridurre l’infiammazione.

E’ un tonico e un antinfiammatorio naturale.

Viene impiegato come repellente naturale per gli insetti da diffondere negli ambienti o da applicare sulla pelle, meglio se diluito in un olio vegetale di base.

Le proprietà antibatteriche e antimicrobiche dell’olio essenziale di geranio aiutano a prevenire lo sviluppo di batteri e germi nelle ferite.

Le sue proprietà cicatrizzanti aiutano nella guarigione.

Ha anche proprietà diuretiche e contribuisce ad aiutare l’organismo ad eliminare le tossine e i liquidi in eccesso.

E’ un anti-zanzare naturale

I fiori di geranio sul balcone e sul davanzale aiutano ad allontanare le zanzare. Per tenerle lontane dalle stanze della vostra casa usatelo nel bruciaessenze.

Versate un po’ d’acqua nella vaschetta del brucia-essenze a candela insieme a una goccia di olio essenziale di geranio per ogni metro quadro della stanza.

L’olio essenziale di geranio, meglio se diluito in un olio vegetale di base come l’olio di mandorle dolci, di sesamo o di riso,

è un repellente naturale per le zanzare che sostituisce i comuni prodotti in commercio da usare sulla pelle.

Allontana le formiche

Se le formiche hanno fatto il loro ingresso in casa e sono diventate un problema, il suggerimento è di versare un paio di gocce di olio essenziale

di Geranio su un batuffolo di cotone e di posizionarlo nei punti critici così da scoraggiarle e allontanarle in modo naturale.

Se volete profumare le stanze della vostra casa, in alternativa ai deodoranti per ambienti, e allo stesso tempo purificare l’aria, ecco che l’olio essenziale di geranio è quello che ci vuole.

E’ un buon anti-age , quindi possiamo aggiungere una sola goccia di olio essenziale di Geranio alla crema idratante che utilizziamo di solito

per il viso oppure acquistare un prodotto specifico antirughe a base di olio essenziale di Geranio.

L’olio essenziale di Geranio viene spesso consigliato alle donne per migliorare la circolazione, soprattutto nella zona delle gambe e delle caviglie.

E’ utile per eseguire dei massaggi a livello delle gambe per riattivare la circolazione e ritarda la ricrescita dei peli dopo una ceretta.

Basta aggiungere poche gocce di olio essenziale alla nostra crema o alla lozione per il corpo e massaggiando dal basso verso l’alto.

Come l’olio essenziale di Lavanda, anche l’olio essenziale di Geranio contribuisce a favorire il sonno e il relax.

E’ sufficiente applicare qualche goccia su un fazzoletto appoggiato sul vostro comodino o da tenere vicino al cuscino,

oppure fare un massaggio al collo e alle spalle prima di andare a dormire.

L’olio essenziale di geranio viene utilizzato in aromaterapia come antistress naturale. Potrete sceglierlo come rimedio quando vi sentite stressati in casa, in ufficio o durante i viaggi.

Usate un diffusore di oli essenziali per ambienti o per auto.

PRECAUZIONI
Non utilizzare l’olio essenziale di geranio durante la gravidanza e su bambini di età inferiore ai tre anni, non prima di aver parlato con un esperto.

Gli oli essenziali sono rimedi naturali molto utili ma anche molto potenti e vanno impiegati con cautela.

E’ consigliabile non applicare mai oli essenziali puri sulla pelle sensibile e soggetta ad allergie.

Fonte: bolsademulher.com

Curarsi con la Malva.

Curarsi con la Malva.

Curarsi con la Malva.

La malva è una pianta che in erboristeria viene usata per le sue notevoli proprietà medicamentose.

Infatti ha virtù curative e in particolare quelle antinfiammatorie e lenitive .

La Malva Silvestris appartiene alla famiglia della Malvaceae ed è una pianta perenne a fusto che si trova facilmente nei prati e nei giardini e caratterizzata, come accennavamo, da bellissimi fiori di color rosa-viola.

I fiori e le foglie sono utilizzate in ambito erboristico per le loro proprietà curative.

In essi, infatti, sono presenti alcune specifiche sostanze,dette mucillagini , dotate di virtù calmanti e sfiammanti.

Non a caso la parola malva deriva dal verbo latino mollire, che significa “ammorbidire“, rendere molle.

Il trattamento della stitichezza con la malva risulta non irritante e non violento, per cui è indicato in gravidanza, per bambini e anziani.

Per questo motivo, l’uso della malva è indicato contro la tosse, nelle forme catarrali delle prime vie aeree, per idratare e sfiammare l’intestino, e per regolarne le funzioni, grazie alla sua dolce azione lassativa, dovuta alla capacità delle mucillagini di formare una

sorta di gel, che agisce meccanicamente sulle feci e quindi agevolandone l’eliminazione.

Infiammazioni del cavo orale, gengiviti e stomatiti.

Prepariamo il decotto come appena descritto e usarlo per disinfettare le mucose del corpo infiammate, come la bocca, le parti intime o la gola ,effettuando dei gargarismi.

Per uso interno possiamo prepararci un buon infuso adoperando l’estratto secco che troviamo in erboristeria.

Un cucchiaio di foglie e di fiori misti e una tazza d’acqua fredda.

Portiamo ad ebollizione per qualche minuto, quindi spegniamo e lasciamo in infusione per dieci minuti.

Questi principi attivi agiscono rivestendo le mucose con uno strato vischioso che le proteggono da agenti irritanti.

Inoltre contribuisce a guarire vaginiti, faringiti e tutte le irritazioni del cavo orale, come ascessi, gengiviti e stomatiti.

Fonte: curenaturali