Archivi

Dio si è preso il campione “Muhammed Ali”

Dio si è preso il campione "Muhammed Ali"

Dio si è preso il campione “Muhammed Ali”

Muhammed Ali era malato di Parkinson da tempo.
Nato a Louisville, nel Kentucky come Cassius Marcellus Clay a Louisville il 17 gennaio 1942 .
Si era convertito all’Islam, volendo così cambiare nome in Muhammed Ali.
Ali divenne celebre con la vittoria della medaglia d’oro dei pesi mediomassimi alle olimpiadi di Roma del 1960.
Unico pugile al mondo ad aver conquistato per tre volte il titolo di campione del mondo dei pesi massimi , si ritirò nel 1981 dopo aver vinto 56 dei 61 incontri disputati.
Io sono il più grande. L’ho detto persino prima di sapere di esserlo”.E’ una delle frasi più celebri di Muhammad Ali, il tre volte campione del mondo dei massimi, passato alla storia anche per le sue scelte di vita.
Fonte: web

Bruxelles “Coppa Campioni ” 29 maggio 1985- 29 maggio 2015

Bruxelles Coppa Campioni
Bruxelles “Coppa Campioni ” 29 maggio 1985- 29 maggio 2015

Quella sera, allo stadio Heysel di Bruxelles, due squadre di ragazzini belgi con le maglie rosse e bianconere ,si stanno sfidando sul campo in attesa dell’incontro dei grandi.

Sono le h. 19,20 allo stadio Heysel, quando qualcosa va storto.

Quella che doveva essere la festa della finale di Coppa Campioni tra il Liverpool, e la Juventus, si trasforma in una tragedia.

Alla fine di due ore di panico e angoscia, paura e delirio, si contano 39 morti (di cui 36 italiani, il più vecchio di 58 anni e il più giovane di 11 anni) oltre 600 feriti.

Sono le h. 21,40 allo stadio Heysel di Bruxelles, e da quel maledetto 29 maggio del 1985 il calcio non sarà più lo stesso.

Le televisioni, ad eccezione di quella tedesca, decidono di trasmettere comunque le immagini della partita, in un silenzio di tomba.

Ci si rende conto fin da subito che le responsabilità sono tanto degli organizzatori e delle forze dell’ordine quanto dei famigerati hooligans.

L’inchiesta del giudice belga Marina Coppieters, che tre anni dopo condanna una decina d’inglesi a pochi anni di galera per omicidio colposo, lo conferma,

ma soprattutto condanna la Uefa al risarcimento danni per le vittime in quanto ritenuta responsabile della strage.

A tutto questo si aggiungono le polemiche per la partita giocata comunque, nonostante i morti.

Sono passati 30 anni da quella tragedia che nessuno potrà mai dimenticare.

Fonte: Repubblica

Alcuni consigli per eliminare pancia e fianchi facilmente.

Incominciamo con un po' di riscaldamento

Incominciamo con un po’ di riscaldamento

fianchi

Per snellire i fianchi

gambe a 90 gradi

Gambe a 90°

Addominali per pancia

Esercizio per eliminare la pancia

esercizi con la palla

Alcuni consigli per eliminare pancia e fianchi facilmente.

L’estate è ormai alle porte, e presto toglieremo cappotti e maglioni che ci hanno aiutato a nascondere le nostre imperfezioni.

Come possiamo fare per eliminare i rotolini di troppo che abbiamo accumulati quest’inverno su pancia e fianchi ?

Due cose importanti: oltre a una dieta mirata , servono esercizi mirati per tonificare pancia e fianchi.

“Se non siamo abituate a fare ginnastica spesso, consiglio innanzitutto facendo un po’ di riscaldamento e poi incominciare ripetendo gli esercizi solo 10 volte,

insomma, un po’ per volta aumentando man mano fino ad arrivare a 20 “.

ESERCIZIO 1: sdraiati sul pavimento con le gambe tese ed appoggiati sul fianco.

Solleva verso l’alto la gamba e torna alla posizione di partenza.

Ripeti 20 volte il movimento con una gamba, poi con l’altra .

ESERCIZIO 2: mettiti in piedi e prendi una palla ,tienila con le braccia tese, inclinati prima verso destra, dopo verso sinistra.

Ripetete l’esercizio 20 volte per tre serie.

Un altro esercizio utile è questo: sdraiati sul tappetino a terra e piega le gambe a 90°.

Appoggia la pianta dei piedi a terra e porta le mani dietro la testa.

A questo punto, alza il petto e resta in questa posizione per almeno 5 secondi.

Torna alla posizione di partenza.

Ripeti 20 volte per tre serie intervallate da un minuto di riposo ciascuna.

Quando sarai ben allenata, potrai passare a un esercizio più duro e cioè, questo: ruota il busto di lato cercando di avvicinare il gomito al ginocchio opposto.

Esegui l’esercizio mantenendo sempre i piedi ben piantati a terra in tensione per cinque secondi, poi torna a terra e ripeti l’esercizio dall’altro lato.

Fai tre ripetizioni da 10 esercizi l’una. Questo tipo di movimento fa lavorare i muscoli addominali obliqui e serve per assottigliare la fastidiosa “pancia”.

Ed ora,una bella doccia per togliere la “fatica”.

Fonte: web

A quasi un anno dall’incidente,le attuali condizioni di Michael Schumacher.

schumi È passato quasi un anno dal terribile incidente che ha inchiodato in un letto di ospedale Michael Schumacher .

E proprio nei giorni in cui la moglie Corinna ha riattivato il sito dedicato all’ex pilota di Formula Uno, riaccendendo la speranza di rivederlo presto in gran forma, sembrano poco veritiere.

“Michael Schumacher è finalmente sveglio”.Dice il medico che lo ha in cura .

A raccontare gli ultimi aggiornamenti di salute di Michael Schumacher, è stato Philippe Streiff intervistato dalla radio francese Europe 1.

“Schumacher sta meglio, ma non può parlare. Come me è su una sedia a rotelle, ha problemi di memoria e di parola” spiega ai microfoni di Thomas Sotto.

Michael Schumacher è cosciente, ma irriconoscibile. Ci vorranno anni per la riabilitazione

L’ex pilota di Formula 1 Philippe Streiff, su una sedia a rotelle dal 1989 in seguito ad un incidente in Brasile, dice : “essere in famiglia gli permetterà di recuperare più velocemente, ma sarà un percorso lungo e complicato.

La famiglia, chiusa nel silenzio stampa, evita di diffondere notizie sullo stato di salute di Michael.

Gli ultimi aggiornamenti ufficiali erano stati diffusi a fine ottobre: Michael è sveglio e vigile.

Dopo una lunga degenza in ospedale e settimane di coma, Schumacher è tornato a casa sua in Svizzera.

Ha vicino la sua famiglia e gli amici più intimi.

“Sembra che comunichi solo con gli occhi” racconta ancora Streiff.

Ma c’è chi mette in dubbio le parole dell’ex pilota francese.

Sono infatti poche le persone che sono a conoscenza delle vere condizioni di salute di Schumacher e la famiglia cerca di evitare fughe di notizie che possano alimentare false speranze .

La moglie di Shumi in passato, si è trovata a smentire le dichiarazioni di Philippe.

Fonte: Oggi